Proprietà degli oli essenziali

Gli oli essenziali hanno diverse proprietà:

Proprieta antisettiche, antimicrobiche, antiparassitarie: chiodi di garofano, cannella, timo, origano, malaleuca, lavanda, neroli, citronella, alloro, cipresso, cannella, chiodi di garofano, canfora.

Proprietà antireumatiche: rosmarino, camomilla, verbena, ginepro.

Proprietà anticatarrali ed espettoranti: eucalipto, mirto, rosmarino, lavanda, cipresso, ginepro, incenso.

Proprietà antispastiche: melissa, camomilla, basilico, finocchio, verbena, geranio, mandarino, maggiorana.

Proprietà digestive: arancio, finocchio, cumino, menta, verbena.

Proprietà stimolanti della sessualità: salvia, santoreggia, cannella, ylang ylang, patchouli

Proprietà sedative e riequilibranti: lavanda, camomilla, rosa, melissa, sandalo, fiori d’arancio.

Proprietà flebotoniche: cioè agiscono come fattori di protezione delle vene: cipresso, geranio, sandalo, malaleuca.

Proprietà eudermiche: malaleuca, rosa, rosmarino, fiori d’arancio

Proprietà lenitie sulla cute: lavanda, camomilla, tea tree, patchouli, benzoino, geranio, cipresso, incenso

Proprietà antidolorifihe: rosmarino, camomilla, verbena, ginepro, cipresso, canfora

Proprietà tonificanti del fisico: rosmarino, pino, basilico, salvia

Proprietà tonificanti mentali: menta, basilico, timo

Proprietà calmanti, ansiolitiche e rilassanti: melissa, verbena, lavanda, camomilla, arancio, mandarino, sandalo, geranio, neroli.

Attraverso la percezione olfattiva: con questa modalità si riesce ad ottenere un importantissimo effetto a livello emozionale.

Gli oli si scelgono in base alle loro influenze emotive o ai gusti della persona nel momento in cui le prova. Se ne posano 1 o 2 gocce su un fazzoletto, da annusare ogni tanto o quando se ne sente la necessità. Oppure, si possono appoggiare le gocce sulla parte interna del polso. Sfregando poi con il polso opposto ed annusare. In questo caso si deve fare attenzione a non usare direttamente sulla cute quegli oli che potrebbero essere ad effetto riscaldante come il ginepro oppure dall’effetto ghiaccio come la menta oppure quelli irritanti come senape, garofano o trementina.

La diffusione ambientale è una metodica molto semplice da realizzare e con differenziate modalità:

  • Negli appositi diffusori
  • Negli umidificatori ambientali
  • Imbibendo con qualche goccia di olio un batuffolo da appoggiare sul calorifero
  • Sulla legna da ardere
  • In pot-pourri floreali
  • Su candele
  • Su lampadine

L’effetto si esplica tramite le vie respiratoria ed olfattiva. Per stabilire una giusta concentrazione di oli essenziali, l’aroma percepito deve essere intenso all’entrata nell’ambiente. Mano a mano si continua a soggiornare nella stanza, non deve essere quasi più avvertito.

Inalazioni e suffumigi: questa metodica, pur essendo spesso classificata come rimedio della nonna da non utilizzare più, è in realtà un eccellente veicolo soprattutto per quegli oli attivi sulle vie respiratorie. Per un’efficace cura di secchezza ed ipersecrezione di muco.

Bagno/idromassaggio: si aggiunge all’acqua della vasca qualche goccia degli oli essenziali scelti (non più di 10-12). Avendo cura di scioglierle prima in latte, sale, miele o sapone liquido per favorire il loro mescolamento ed impedire che rimangano sulla superficie dell’acqua causando irritazioni cutanee. Le essenze si uniscono all’acqua della vasca e si miscelano per bene un attimo prima di immergervisi. L’assorbimento avviene sia per via cutanea che olfattiva e respiratoria. Per questo utilizzo sono consigliati gli oli dalle proprietà più rilassanti o riequilibranti: lavanda, arancio amaro, melissa, sandalo, vaniglia.

Doccia: le gocce di olio essenziale (non più di 4-5) si fanno anche scendere sul piatto doccia nel mentre che si entra in modo da fruire della diffusione olfattiva e ulteriormente si miscelano al sapone liquido precedentemente versato sulla spugna e poi con questa si passa tutto il corpo e ci si sciacqua con il getto della doccia. Gli oli utilizzabili in modo affine possono essere il rosmarino, il basilico (per tonificare) e la lavanda ed il bergamotto come “depurativi” per corpo e mente.

Pediluvio: 3-4 gocce, da utilizzare come per il bagno.

Massaggio: diluizione degli oli essenziali (detti anche “volatili”) in oli vettori (detti anche “fissi”). Gli oli fissi più utilizzati sono: mandorle dolci, oliva, germe di grano, jojoba.

 

Belinda Di Renzo