terremoto

Avezzano – La citta’ onora le vittime del 1915

terremotoSisma del 1915, la città non dimentica. A 98 anni dall’immane tragedia che rase al suolo Avezzano e la Marsica, seminando morte e distruzione, domenica 13 gennaio, giorno del 98° anniversario, quella tragica alba di lutto sarà commemorata dall’amministrazione comunale con una serie di celebrazioni aperte, alle 10, dalla deposizione di una corona di alloro ai piedi del Monumento dedicato ai martiri del terremoto. Qui, alle pendici del monte Salviano, il Sindaco, Giovanni Di Pangrazio il Vescovo dei Marsi, Monsignor Pietro Santoro, Amministratori, Autorità civili e militari, Associazioni d’arma e del volontariato, tributeranno il doveroso omaggio alle migliaia di persone rimaste sotto le macerie. Nella giornata del “ricordo” il Comune deporrà le corone d’alloro in altri due luoghi simbolo della tragedia: il cimitero della città e il monumento della Chiesa di San Bartolomeo distrutta dal terremoto. “Quell’alba tragica, che in pochi attimi sconvolse Avezzano e la Marsica, resterà impressa per sempre”, afferma il sindaco Giovanni Di Pangrazio, “onorare la memoria delle migliaia di persone, tra i quali tanti giovani all’alba della vita, vittime innocenti di quell’immane disastro che mutò per sempre il volto della città e della Marsica, è un dovere umano, civile e morale. Avezzano e la Marsica, comunque, seppur distrutti dal terribile sisma, grazie alla tenacia, la determinazione e l’impegno, hanno saputo rialzarsi”
Alle 10.30 la carovana del ricordo farà tappa al Castello orsini Colonna dove è in agenda la presentazione del libro 13 gennaio 1915 Quando il terremoto sconvolse le menti” scritto da Maurilio Di Giangregorio. Seguirà la presentazione di un documentario storico a cura del Fai (Fondo per l’ambiente italiano) delegazione di L’Aquila-Gruppo di Avezzano. Nel pomeriggio, alle 17, è in programma la Santa messa nel Santuario della Madonna del Suffragio (don Orione) celebrata dal Superiore provinciale Don Pierangelo Ondel.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *