megavideo

Chiuso Megaupload: la rivolta degli hacker

E’ stato chiuso il sito Megaupload, il quale permetteva il libero scambio di file multimediali da parte degli utenti. Il proprietario del sito, Kim Schmitz è stato arrestato, Nuova Zelanda ed ora rischia 50 anni di carcere.

 

Durante al perquisizione nella sua villa sono state sequestrate 18 auto di lusso. Dopo la chiusura del sito la rivolta degli hacker di Anonymous, che ha già compromesso alcuni siti governativi americani tra cui il dipartimento di Stato Usa, della Riaa, della Mpaa.

 

E’ nato un nuovo sito, megavideo, ma è catalogato come fake, perchè inaffidabile e secondo alcuni raccoglierebbe informazioni personali degli utenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *