costa concordia

Concordia, recuperato corpo di donna

costa concordiaE’ stato ritrovato il corpo di una donna all’interno del quinto ponte, della nave Costa Concordia, naufragata, sull’isola del Giglio, il 13 gennaio scorso.  Il corpo è stato ripescato dai palombari della Marina Militare, e così, in numero delle vittime accertate sale a 12.
Nel frattempo si lavora per evitare una catastrofe ambientaleFranco Gabrielli, capo del dipartimento della Protezione civile e neo commissario delegato per l’emergenza della Costa Concordia, dichiara: “I dati sono abbastanza rassicuranti, la nave non sta subendo particolari stress, date le condizioni meteo marine particolarmente favorevoli”. Inoltre il commissario spiega: “Il rischio ambientale è rappresentato sia dal carburante, ma anche dagli olii, dai solventi e da i tanti materiali di cui è equipaggiata la Costa Concordia”.

Intanto è in corso la prima fase di recupero delle 2.400 tonnellate di carburante, previo l’utilizzo di cerchi di  contenimento e assorbimento. Una nave cisterna, affiancherà la nave, e sarà collegata alle 23 casse di combustibile. L’operazione prevede tre settimane di lavoro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *