Dallas: uccisi cinque poliziotti durante marcia afroamericana

[adrotate banner="3"]

Alle ore 2,58 italiane, le 20,58 ora locale è iniziata a Dallas la marcia pacifista in memoria dei due afroamericani uccisi qualche giorno fa in Louisiana e Minnesota.
La veglia notturna, presieduta da forze dell’ordine locali, si è trasformata in uno scenario di guerriglia urbana.

Sette agenti della polizia sono stati colpiti con colpi d’arma da fuoco. Cinque di loro, tra i quali due donne, sono stati freddamente uccisi. Secondo le prime ricostruzioni e le testimonianze a sparare sugli uomini delle forze dell’ordine sono stati due cecchini e due uomini, che a distanza ravvicinata hanno sparato e ucciso due agenti.

Tre degli assaltatori di origine africana, di cui una donna, sono stati catturati dalla polizia, ma a quanto dichiarato dal capo della polizia David Brown non starebbero collaborando. La CNN ha riportato le dichiarazione di Ismael Dejesus, un testimone, che ai loro microfoni ha detto: “Sembrava un’esecuzione: ho visto un uomo scendere da un Suv con un fucile Ar-15 e dirigersi verso un agente che era a terra. L’uomo gli ha sparato forse tre o quattro volte alla schiena. È stato orribile”.

[adrotate banner="3"]