concerto capo

Grande concerto a Gioia dei Marsi

concerto capoIl Maestro Corrado Lambona ha diretto brillantemente, a Gioia dei Marsi, giovedì 31 gennaio scorso, il concerto in onore di San Giovanni Bosco, che si è tenuto nella chiesa della Santissima Annunziata, dalle 21,00. 
Entusiasta il parroco, Don Gabriele Guerra, appoggiato dal parroco di Aielli e Cancelliere della Curia vescovile di Avezzano, Don Ennio Grossi, che hanno seguito, insieme con l’organizzatore e promotore del prestigioso avvenimento, Gianluca Alfonsi, Presidente della Commissione Cultura alla Provincia dell’Aquila, l’esibizione dei 43 elementi (tutti giovanissimi e diplomati al Conservatorio “Casella” dell’Aquila), che compongono l’orchestra di fiati “ARMELIS”, diretta dal Maestro Lambona. All’evento, che ha avuto anche lo scopo di raccogliere fondi per l’UNITALSI, ha partecipato Ilenia Lucci, splendido, virtuoso soprano e il poeta Fabrizio Farina, che ha presentato il suo componimento intitolato “Gli Angeli”, sulle note della commovente “Caliel”, opera composta proprio da Corrado Lambona (che evidenzia nei suoi ritmi la dolcezza, la crudezza dei momenti che sono seguiti al sisma che ha colpito L’Aquila ed hinterland nel 2009 e poi la forza, l’ottimismo della ripresa) e, come altri suoi pezzi, sovente suonata dalla Banda Nazionale del Quirinale.
Il pubblico, folto, numeroso, appassionato e composto nella meravigliosa chiesa di Gioia, è rimasto pure estasiato dalle note di “For You” (altra creazione di Lambona), dedicata dal Maestro ad un importante affetto perduto di recente, così come dalle vibrazioni di “Preghiera alla Vergine”, in onore di San Giovanni Bosco, il “Santo dei ragazzi”, cantata da una incommensurabile Ilenia Lucci, melodia con la quale il Maestro ha voluto ricordare Antonio Stati, suo omologo, grande musicista scomparso il 30 maggio 2012, “inventore” del “Concerto di Capodanno” di Avezzano, “responsabile” di aver diffuso la conoscenza della Musica Sinfonica nella Marsica.
A detta dei presenti, il Concerto di Gioia era “da brividi”…
Sarà sicuramente ricordato anche per essere stato magistralmente diretto.
Ha presentato Orietta Spera.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *