GRANDE SUCCESSO PER LA PRESENTAZIONE CORSO “OPERATORE SOCIALE PER L’INFANZIA”…PER IL PROGETTO “VALLE DEL GIOVENCO IN… FORMAZIONE”..

Sabato pomeriggio,presso l’Hotel “Filippone”, a Gioia dei Marsi, si è tenuta la presentazione del Corso “Operatore socio sanitario (sociale) per l’infanzia”, nell’ambito del Progetto del Professor Valletta “ Valle del Giovenco in… formazione”.
Moltissimi gli iscritti, oltre 350, ad evidenziare quanto questa iniziativa sia sentita!
All’incontro erano presenti tutti i Sindaci e gli Amministratori della “Valle del Giovenco” a testimonianza della grande sinergia che è la base per la realizzazione di progetti come questo, bisogna ricordare a tal proposito che il Corso sarà a titolo totalmente gratuito per i partecipanti.
A far da moderatore e’ stato l’Avvocato Oddi, hanno preso parola il Sindaco di Gioia dei Marsi,l’Avvocato Berardini, che ha ricordato l’importanza delle politiche di investimento su progetti che possono dar nuova vita alle nostre Aree Interne.
Hanno parlato anche il Vice Sindaco di Gioia, l’Avvocato Emiliana Longo, il Professor Marcucci, Responsabile della Formazione dei Coach Educativi per DSA e BES, l’Assessore di Pescina Soricone, referente del progetto e specializzato in Pronto Soccorso pediatrico e il Direttore del Corso, il Professor Valletta, che, con serietà e professionalità, ma anche con grande simpatia e carisma, ha fornito a tutti i partecipanti qualche importante delucidazione sui temi che saranno affrontati durante le lezioni e sulle modalità di valutazione per ottenere la qualifica finale.
Seduto al tavolo con i ‘grandi’ c’era anche il piccolo Paolo… per ricordare a tutti che questo Corso ha come scopo principale aiutare loro, i più piccoli, i bambini e, soprattutto, come simbolo per il 29mo anniversario della Convenzione per i Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza….
Sui bambini Fabrizio Caramagna scrive così:
“Dobbiamo imparare dai bambini.
Amano senza dubitare.
Abbracciano senza avvisare.
Ridono senza pensarci.
Scrivono cose colorate sulle pareti.
Credono ad almeno 10 sogni impossibili.
Non arrivano al cassetto più alto, ma toccano il cielo con la punta delle dita.
E quando vengono affidati al sonno è come se il mondo avesse perso un po’ del suo splendore.”
Progetti come questo, in tempi come i nostri dove sempre più spesso si assiste attoniti alla violenza sui minori, sono indispensabili, per ricordare a tutti noi che i bambini non meritano mostri, ma fate e magia. E i Corsi come questo ci aiutano a ricordarlo e ci preparano a come insegnarlo a loro!