celano ebolitana

Lega Pro, Celano-Ebolitana 2-2

[adrotate banner="3"]

CELANO 2 – 2 EBOLITANA

CELANO (4-5-1): Agostini 6; Furno 5,5, Rapino 6, Bianciardi 6, Olivieri 5; Sciamanna 5 (14’ st Luzi 7), Barbetti 5,5 (34’ st Mascioli s.v.), Marfia 6, Amadio 5,5, Granaiola 6; Croce 7,5. A disp.: Liverani, D’Angelo, Ferrara, Ciolli, Sabatini. All.: Petrelli 6.

EBOLITANA (4-4-2): Nicastro 6, Venneri 6, Astarita 6,5, Nigro 6, Giudice 6,5; Corsino 6, Sekkoum 7, Perrino 6, Esposito 6,6; Broso 6, D’Ancona 6,5 (27’ st Colella 5,5). A disp.: Longo, Albano, Angiò, Palumbo, Gaveglia, Liguori. All.: Giacomarro 6.

ARBITRO: Tardino di Milano 5,5.

RETE: pt 42’ Giudice, st 20’ D’Ancona, 39’ st, 46’ st Croce.

NOTE: spettatori 200 circa. Ammoniti: Croce, Bianciardi, Sekkoum, Giudice. Angoli 6-5 per il Celano. Recupero: pt 0’; st 3’.

Mister Giacomarro è in piena emergenza, oltre a De Pasquale e Toscano squalificati e Servi e Pignatta infortunati, deve fare a meno anche di Izzo, fermato nell’allenamento di rifinitura da un problema muscolare. Ma l’Ebolitana sembra non risentire di queste assenza e comanda il gioco nella prima frazione di gioco. Buone le trame dei campani che riescono a mettere in difficoltà più volte la retroguardia del Celano soprattutto con le incursioni di Broso e i calci piazzati di Sekkoum. Primo pericolo per la porta dei padroni di casa al 7’, quando Esposito salta secco Furno, ma la sua conclusione finisce di poco fuori. Dopo pochi minuto, più precisamente al 12’, Astarita calcia una punizione dalla distanza con la palla che sfiora il palo alla sinistra di Agostini. Il Celano prova a fare qualcosa in fase offensiva, ma gli uomini di Petrelli sono troppo imprecisi e Nicastro non deve compiere nessun intervento. Così i campani continuano a giocare la loro partita e a rendersi pericolosi; questa volta con D’Ancona al 25’, ma la sua conclusione dall’interno dell’area è centrale e non impensierisce l’estremo difensore di casa. Al 36’ Nigro rimette in area una punizione di Sekkoum e Amadio, con un controllo sbagliato, rischia l’autogol, palla che finisce in angolo con il sollievo di Agostini. Ma al 42’ l’Ebolitana passa in vantaggio: bella discesa sulla sinistra di Giudice che riceve palla, si accentra, e dal limite lascia partire un rasoterra che s’insacca all’angolino basso alla sinistra dell’incolpevole Agostini. Vantaggio meritato per i ragazzi di Giacomarro che in questo primo tempo hanno dominato sul campo di gioco. La ripresa inizia con gli stessi effettivi d’inizio gara. Ma il copione non sembra lo stesso. Il Celano sembra più propositivo, ma Nicastro resta ancora inoperoso. Al 12’ Sciamanna ha l’occasione d’oro per pareggiare, ma la sua conclusione da due passi dalla porta viene rimpallata da Giudice che manda in corner. Buon momento questo per i padroni di casa, ma l’Ebolitana riesce comunque a ripartire e a creare occasioni, come al 16’ con Esposito, ma il suo tiro dal vertice dell’area viene deviato e finisce di poco sopra la traversa. Al 20’ però arriva il raddoppio dei campani con D’Ancona che raccoglie un passaggio di Sekkuom, che aveva scombussolato la difesa biancoazzurra, e di prima intenzione calcia a fil di palo, ancora incolpevole nell’occasione Agostini che non vede partire la palla ostacolato da troppe gambe. La gara sembra incanalata su un binario ben preciso, ma due sostituzioni, Luzi per uno spento Sciamanna, e Colella per l’infortunato D’Ancona, cambiano il volto della gara. Gli ospiti arretrano pericolosamente non avendo più il loro punto di riferimento offensivo, e il piccoletto Luzi crea scompiglio sulla destra. E proprio dai suoi piedi nascono le azioni più importanti, come al 24’ quando un suo tiro dalla distanza crea i primi problemi a Nicastro. Il forcing finale del Celano fa traballare la difesa campana e sugli sviluppi di un calcio d’angolo Corsino non riesce a liberare l’area e in mischia l’arbitro vede un tocco di mano, rigore per i padroni di casa al 39’. Sul pallone va Croce che spiazza Nicastro, ma Tardino di Milano fa ripetere perché alcuni giocatori sono arrivati a ridosso del dischetto mentre l’attaccante calciava. Seconda occasione e stesso esito, palla da una parte e portiere dall’altra. A questo punto le gambe degli uomini di Giacomarro si fanno più pesanti e, al primo minuto di recupero dei tre totali, arriva il pareggio. Bell’azione di Luzi che salta due uomini sulla destra, palla tesa al centro sulla quale arriva Croce e mette in rete. Gara che si conclude così con un punto a testa.

Davide Proietti

[adrotate banner="3"]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *