comune-avezzano

Recupero patrimonio edilizio, ok del consiglio

comune-avezzanoVia libera ad aumenti di cubatura fino al 50%. Decreto sviluppo operativo in città: ok unanime del consiglio comunale, uno dei primi in Abruzzo, alla riqualificazione del patrimonio edilizio e delle aree degradate, arricchito da norme di indirizzo per una corretta attuazione della legge. L’assise civica ha aperto la strada al Decreto legge del governo Monti (recepito dalla legge regionale 49/2012) mirato a incentivare la razionalizzazione del patrimonio edilizio esistente e la riqualificazione delle aree urbane degradate. Operazione che, ad Avezzano, (fatta eccezione per l’area del nucleo industriale di competenza della Provincia), può portare a un aumento massimo del 50% della cubatura per gli edifici residenziali; fino al 35% per i fabbricati non residenziali. “L’ok unanime del consiglio comunale, che adotta in tempi record una legge dello Stato”, afferma il sindaco, Giovanni Di Pangrazio, “consentirà di attivare processi di ampliamento e riqualificazione del patrimonio edilizio in grado di migliorare la qualità urbana e ambientale della città e delle frazioni contribuendo, nel contempo, al rilancio economico dei settori produttivi collegati all’edilizia”. Gli interventi, ovviamente, sono regolati dalla norme stabilite dal Consiglio comunale finalizzate a dare impulsi alla riqualificazione, anche per il centro storico cittadino nei limiti degli atti di pianificazione vigenti. Indirizzi destinati a compensare l’allentamento delle maglie dei vincoli del piano regolatore esistente. Novità in vista anche per i cambi di destinazione d’uso: il decreto sviluppo, infatti, amplia le possibilità di variare le finalità d’uso degli immobili conferendo la possibilità di modificarlo in ragioni di quello prevalente all’interno dell’edificio. Riqualificazione edilizia e velocizzazione delle procedure, quindi, per migliorare il rapporto tra i cittadini e la “res publica”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *