Risultati Serie A 35^ GIORNATA

Roma-Chievo Verona 4-1
Inter-Juventus 2-3
Crotone-Sassuolo 4-1
Benevento-Udinese 3-3
Bologna-Milan 1-2
Atalanta-Genoa 3-1
Hellas Verona-Spal 1-3
Sampdoria-Cagliari 4-1
Fiorentina-Napoli 3-0
Torino-Lazio 0-1

A poche giornate dalla fine del campionato, tutto è ancora aperto: un solo punto separa il Napoli dalla testa della classifica occupata dalla Juventus, la lotta per la zona Champions continua con 3 squadre impegnate per due posti disponibili e nella parte bassa della classifica c’è la lotta per restare nella massima serie. Con tali premesse parte la 35esima giornata di campionato ed il primo match ad andare in scena è quello della Roma che in casa ospita il Chievo Verona, impegnato più che mai nella lotta per non retrocedere. Con un sonoro 4-1, i giallorossi liquidano la squadra veneta grazie alle reti di Schick, El Sharaawi e alla doppietta di Dzeko.
La sfida più affascinante della giornata, va in scena allo stadio San Siro di Milano con il match tra l’Inter e la Juventus. Partita ricca di emozioni e di polemiche. È la Juventus ad andare in vantaggio grazie alla rete di Douglas Costa, ed inoltre al minuto 18 la squadra neroazzurra resta anche in dieci per l’espulsione di Vecino causa un brutto fallo sull’attaccante bianconero Mandzukic. Per la Juventus la strada sembra spianata, ed invece l’Inter non molla e riesce prima a trovare il pari grazie al solito Icardi, al suo ottavo gol contro i bianconeri, ed in seguito trova addirittura il vantaggio con l’autorete di Barzagli. Lo scudetto sembra allontanarsi da Torino, ma a dieci minuti dalla fine del match, la Juventus ribalta completamente la gara con la rete di Cuadrado prima e di Higuain al 93’ che regala la vittoria alla squadra bianconera permettendogli di fare un bel passo verso il settimo scudetto consecutivo. Molte le polemiche in casa neroazzurra nei confronti dell’arbitro Orsato, colpevole, secondo loro, di non aver espulso il centrocampista bianconero Pjanic (fallo su Rafinha che sarebbe valso il secondo giallo per il bosniaco) e di essere stato troppo severo nel rosso dato a Vecino.
La domenica di serie a si apre con la netta vittoria del Crotone nella sfida diretta per non retrocedere contro il Sassuolo. Nel risultato finale di 4-1 spiccano le doppiette per i calabresi di Trotta e di Nwankwo. Con lo stesso risultato, la Sampdoria riesce ad avere la meglio di un Cagliari completamente non pervenuto al Ferraris, grazie alle reti di Praet, Quagliarella, Kownacki e Ramirez. Partita ricca di gol anche quella tra il Benevento e l’Udinese, finita con un pareggio con 3 gol per parte. Altra vittoria per l’Atalanta di Gasperini, che grazie alle reti di Barrow, alla sua prima rete nella massima serie, Cristante e Ilicic, batte il Genoa e continua la corsa per un posto in Europa League. Posto ambito anche dal Milan, che in casa del Bologna conquista 3 punti importantissimi grazie alle reti di Calhanoglu e Bonaventura.
La sorpresa di giornata accade a Firenze, dove il Napoli, fresca vincitrice dello scontro diretto contro la Juventus all’Allianz Stadium che gli aveva permesso di riportarsi a -1 in classifica dalla vetta, crolla in casa della Fiorentina e dice praticamente addio al sogno delle Scudetto. A decidere la gara è stata l’espulsione del difensore partenopeo Koulibaly, proprio colui che aveva segnato il gol allo scadere nella sfida di Torino. In seguito a questo episodio, il Napoli non ha saputo rialzarsi ed ha subito tre reti viola firmate da Simeone, alla prima tripletta in serie a. Con questa sconfitta il Napoli si riporta a -4 dalla vetta a tre giornate dalla fine del campionato, distacco importante ma ancora non decisivo visto anche il calendario che vedrà la Juventus affrontare fuori casa la Roma di Eusebio Di Francesco nella penultima giornata. Insomma, il sogno, seppur un pochino sbiadito, continua a circolare nella testa dei tifosi napoletani.

Matteo Di Renzo