SERIE A: il punto sulla 12a giornata

Bologna

Genoa

Inter

Cagliari

Chievo

Fiorentina

Juventus

Lazio

Atalanta

Sassuolo

2-3

0-2

1-1

2-1

0-0

2-4

2-1

Rinviata

1-1

0-2

Crotone

Sampdoria

Torino

Verona

Napoli

Roma

Benevento

Udinese

Spal

Milan

Dodicesima giornata: Le prime due squadre del campionato, ovvero Napoli e Inter, non vanno oltre il pareggio e si avvicinano la Juventus (2-1 al Benevento) e la Roma (2-4 in casa della Fiorentina). Il Milan torna alla vittoria battendo il Sassuolo, Lazio-Udinese rinviata per pioggia.

Sembrava la classica domenica dove le big portano tutte abilmente a casa i 3 punti, invece così non è stato e non sono mancate le sorprese. La dodicesima giornata di campionato inizia alle ore 18 di sabato allo Stadio Dall’Ara di Bologna, dove va in scena una bellissima partita tra il Bologna e il Crotone di Nicola. La squadra di casa riesce a trovare per due volte il vantaggio grazie alle reti di Verdi, che è entrato nella storia come il primo calciatore a segnare due goal su punizione uno con il piede destro e l’altro con il mancino. Ma tali gioielli non sono bastati ai padroni di casa per portare a casa il risultato a causa di un’instancabile Crotone che grazie alla doppietta di Budimir e alla rete di Trotta riesce nella ripresa a ribaltare il risultato e a conquistare 3 punti fondamentali per la rincorsa alla salvezza. Nella serata di sabato, l’attenzione si sposta tutta su Genova dove va in scena l’attesissimo derby della Lanterna tra il Genoa di Juric e la sorprendente Sampdoria di Gianpaolo. Gara che si sblocca già al minuto 8, grazie al doriano G.Ramires che con uno splendido colpo sotto riesce ad eludere l’uscita bassa del portiere genoano. Nella ripresa stesso copione, con il Genoa che prova a rendersi pericoloso ma con la Samp che crea le migliori occasioni da rete. Nel finale il raddoppio del capitano blucerchiato Quagliarella fissa il punteggio sul definitivo 0-2, fa esplodere di gioia la gradinata nord occupata dai tifosi doriani e sancisce l’esonero dell’allenatore genoano Juric, che lascia la panchina per far posto all’ex Ballardini.

Nell’anticipo domenicale delle 12 arriva la prima sorpresa di giornata, con il pareggio casalingo dell’Inter di Spalletti che non riesce ad avere la meglio di un ottimo Torino. Nel primo tempo infatti, sono proprio gli ospiti a trovare il vantaggio grazie ad una splendida cavalcata dell’esterno granata Iago Falque, che si infila nella difesa avversaria e con un sinistro preciso riesce a battere il portiere neroazzurro Handanovic. L’Inter ci prova in tutti i modi a cambiare l’esito della partita, creando molto e andando spesso vicino al bersaglio grosso. Gli sforzi neroazzurri vengono premiati al 79’: cross di Perisic, Icardi fa da sponda e Eder da lì non può proprio sbagliare siglando il punteggio sull’ 1-1. Nel finale l’Inter avrebbe anche l’occasione di ribaltarla, ma il tiro da distanza siderale di Vecino si stampa sulla traversa.

Dopo questo risultato inatteso, le partite delle 15 possono iniziare. Non va molto bene alla capolista Napoli, che non riesce ad andare oltre uno 0-0 in casa del Chievo, facendo vedere i primi sintomi di stanchezza. Gli uomini di Sarri comunque ci hanno provato, ma con un Chievo che non supera, per sua scelta, la metà campo trovare spazi è quasi impossibile. Qualche tiro dalla distanza ed un diagonale pericoloso di Callejon le uniche occasioni dei partenopei, che comunque grazie al punticino conquistato al Bentegodi riescono a restare in vetta al campionato.

Ad un solo punto dal Napoli, arriva la Juventus che in casa con il Benevento vince ma non senza rischiare. Gli uomini di Allegri, infatti, chiudono il primo tempo sotto di 0-1 a causa della bellissima punizione del 10 giallorosso Ciciretti, che al minuto 19 riesce a battere il portiere bianconero, per l’occasione Szczesny, con una traiettoria velenosa. Nella ripresa però, grazie ai goal del ritrovato Higuain e di Cuadrado, la squadra campione d’Italia ribalta il risultato e si avvicina alla vetta della classifica.  Così come la Roma, che vincendo a Firenze raggiunge quota 27 punti in classifica, ovvero a -5 punti dal Napoli capolista ma con una partita ancora da recuperare. Il primo tempo della partita è stato davvero un bel vedere; doppietta di Gerdson, un fantasma l’anno rosso per la squadra giallorossa ma rinato quest’anno dalla cura Di Francesco, per la Roma e gol di Veretout e del “Cholito” Simeone per i viola, grandi giocate da entrambe le parti e mille emozioni regalate ai tifosi presenti allo stadio. Ma nella seconda frazione di gioco la squadra giallorossa riesce a portare a casa i 3 punti con i gol di Manolas e Perotti ed entra di diritto nella storia con la dodicesima vittoria consecutiva in trasferta grazie anche allo splendido finale di campionato dell’anno scorso.

Vittoria per il Cagliari in casa mentre l’Atalanta di Gasperini non va oltre l’1-1 casalingo con la neopromossa Spal, rischiando anche di perderla nei minuti finali. Rinviata per maltempo Lazio- Udinese.

Nel posticipo domenicale, il Milan di Montella si rialza tornando alla vittoria in casa del Sassuolo. Grazie alle reti di Romagnoli nel primo tempo e alla magia di Suso nella ripresa, la squadra rossonera riesce ad avere la meglio di un Sassuolo spento, tornando nella zone alte della classifica che vuol dire Europa.

 

Matteo Di Renzo