logo cna

Studi di settore – le attività oggetto di revisione per l’anno d’imposta 2012

[adrotate banner="3"]

logo cnaE’ stato ufficializzato l’elenco degli studi di settore da sottoporre a revisione nel corso del 2012. (vedi il Provvedimento 2012/1242 del 12/1/2012, dell’Agenzia delle entrate).
Appare utile sottolineare che l’attività di revisione degli studi di settore ha lo scopo di mantenere nel medio periodo la capacità degli studi di rappresentare la realtà economica cui si riferiscono.
Obbiettivo, questo che può essere raggiunto soprattutto attraverso il contributo imprescindibile delle Unioni di mestiere e degli imprenditori che svolgono le attività interessate.
Una puntuale e precisa revisione dello strumento diventa ancora più importante in considerazione della più alta valenza attribuita proprio agli studi di settore con le “manovre fiscali” dell’ultimo anno, soprattutto con riferimento al sistema “premiale” previsto per le imprese “congrue e coerenti” (per maggiori approfondimenti vedi Com. Trib. 22 dicembre 2011, n. 21).
In tale rinnovato contesto strategico sarà il lavoro della “Commissione di esperti” che sarà chiamata ad esprimere il parere in merito alla revisione. Per esprimere il parere la Commissione si avvarrà delle osservazioni emerse in sede di revisione dei singoli studi che necessariamente dovranno ora porre ancora più attenzione all’esito della “coerenza” agli indicatori di natura economica oltre che alla clusterizzazione delle imprese e all’esito di congruità.
Sebbene il parere della Commissione di esperti non sarà vincolante, l’Agenzia ne ha sempre tenuto in debito conto. Pertanto importantissimo risulterà essere il contributo degli operatori del settore oggetto di revisione che sono i più titolati a cogliere eventuali criticità specifiche che li riguardano.
Solo dopo la riunione di validazione, ed acquisito il parere della Commissione di esperti, l’Agenzia delle entrate potrà approvare gli studi revisionati ed applicarli già al periodo d’imposta 2012 (se pubblicati sulla Gazzetta ufficiale entro il 31/12/2012).
In attesa del calendario ufficiale delle riunioni, si segnalano gli studi in revisione così i nostri addetti organizzeranno l’individuazione delle attività che si ritiene opportuno monitorare e la raccolta delle osservazioni rispetto a criticità riscontrate nonché l’eventuale partecipazione di imprenditori del settore oltre che di consulenti del territorio. Si ricorda che la posizione di CNA riguardo gli studi di settore è di massima attenzione e collaborazione in quanto ritenuti strategici rispetto al rapporto Fisco-impresa.
Gli studi in revisione nel 2012 sono 69, di cui:
·  12 del settore manifatturiero;
·  24 del settore servizi;
·  21 del settore commercio;
·  12 del settore arti e professioni.
La Cna con i suoi addetti ai lavori, invierà proposte per le operazioni di aggiornamento, revisione ed evoluzione, ma anche e soprattutto per poter effettuare test e verifiche adeguati del prototipo (numericamente sufficienti alla validazione).
Con specifico riferimento all’invio di casi dal territorio si segnala che, attraverso l’apposito canale web attivato direttamente con la Sose, tutte le Cna provinciali, previa autenticazione, possono inviare i file relativi agli studi in revisione pianificando l’individuazione dei soggetti e/o le casistiche per le quali si intende eseguire i relativi test di analisi, verifica risultati del prototipo ed eventuali osservazioni.

[adrotate banner="3"]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *