5 motivi per non avere pregiudizi sulla pillola

pillolaLa pillola contraccettiva ha appena compiuto 50 anni e nacque grazie ad una donna. Infatti, Margaret Sanger, infermiera fondatrice della Planned Parenthood Federetion of America, nel 1950, inizio la ricerca su questo anticoncezionale.
Nonostante il mezzo secolo di vita, sulla pillola persistono ancora tanti pregiudizi. In Italia arrivo legalmente solo nel 1971 e, tutt’oggi, solo il 14.2% delle donne ne fa uso. La regione con la più alta percentuale nell’utilizzo della pillola è la Sardegna, con il 30.3%, mentre all’ultimo, con il 7.2%, c’è la Campania. Nel Belpaese è altissimo il numero di gravidanze indesiderate, che colpisce soprattutto le giovani ragazze, infatti, ogni anno di media si contano 9.817 mamme teeneger.
L’inutilizzo della pillola è dato dalla disinformazione, soprattutto nelle scuole e dai pregiudizi, tramandati da generazione i generazione.
Ecco 5 motivi per combattere l’ignoranza sull’argomento:

1- chi usa contraccettivi ormonali vive più a lungo e in salute. Lo dimostra un importante studio inglese. Inoltre, si ha un riscontro protettivo nei confronti di gravi malattie, quali, infezioni pelviche, fibromi, cisti ovariche e tumore ovaio.

2-La pillola non fa ingrassare. Anche se produce ritenzione idrica, oggi, il contraccettivo è dato in base alla statura corporeo. Esistono, ad esempio, per donne minute, le pillole ultraligh. Inoltre, tra le pillole c’è quella con il progestinico drospirenone, che ha un effetto diuretico e antigonfiore.

3-La nuova pillola estro-progestinica evita il rischio di trombosi. Oggi si calcolano circa solo 9-10 casi su 10.000.

4-Oltre ad evitare quasi al 100% il rischio di una gravidanza indesiderata, la pillola aiuta anche in disturbi diffusi, come le mestruazioni irregolari, l’acne  e la sindrome premestruale. Quella a base di estradiolo valerato e dienogest evita il flusso abbondante.

5-Per evitare le fluttuazioni ormonali è stata inventata la pillola da assume per 24 giorni più 4 pasticche di placebo, quella da 26 giorni, più due di placebo e inoltre, negli USA esiste la pillola che contiene acido folico, necessario all’organismo per affrontare un futura gravidanza.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *