Alemanno indagato per associazione a delinquere. Il Procuratore: “Mafiosi vicini all’ex sindaco”

Clamorosa maxi-operazione antimafia delle forze dell’ordine, che stamattina hanno arrestato Massimo Carminati (ex terrorista dei Nar). Carminati puntava agli appalti: 37 arresti e perquisizioni tra la Pisana e gli uffici comunali. Iscritti nel registro anche l’ex sindaco della Capitale, Gianni Alemanno, i consiglieri regionali Luca Gramazio (Fi) e Eugenio Patanè (Pd), il presidente dell’Assemblea capitolina Mirko Coratti (Pd), l’assessore romano alla Casa Daniele Ozzimo (Pd). Nella conferenza stampa seguita al blitz, il Procuratore Giuseppe Pignatore ha descritto “alcuni uomini vicini all’ex sindaco Alemanno” come “componenti a pieno titolo dell’organizzazione mafiosa e protagonisti di episodi di corruzione. Con la nuova amministrazione il rapporto è cambiato ma Carminati e Buzzi erano tranquilli chiunque vincesse le elezioni”. L’ex sindaco di Roma, intanto, si è dichiarato estraneo ai fatti.