AVEZZANO. SFILA LA SOLIDARIETA’

Abruzzo e solidarietà. Un binomio invincibile per definire lo straordinario lavoro svolto dall’avezzanese Paolo Di Pietro, fisioterapista INI (Istituto Neurotraumatologico Italiano) di Canistro (AQ) e fisioterapista Nazionale Italiana Parasnowboard (FISIP). Giovanissimo, ha fatto del suo lavoro la più alta forma di solidarietà sociale. E’ suo il merito di aver portato una ventata di freschezza sul palcoscenico della 2^Edizione di Notte Romantica, ideata e realizzata da Lucia Ciminelli, presentando al pubblico alcuni suoi coetanei che hanno fatto della loro condizione un nuovo punto di partenza e di successo. Tra i numerosi ospiti provenienti dalla Musica e dal Cinema, nella manifestazione, presentata da Paolo Del Vecchio e Alina Di Mattia,  bellezza ed eleganza hanno sfilato sul red carpet di Piazza Risorgimento. Tra gli indossatori, anche gli atleti paralimpici Alessandro Ossola e Jacopo Luchini, reduce dalle Paralimpiadi di Pyongyang 2018,  insieme a Giulia Volpato, giovane affetta da P63 Sindrome EEC e presente anche  in qualità di rappresentante della Onlus che si occupa di malattie rare.

Una passerella che rivoluziona totalmente il concetto di esclusività in un momento storico particolare, caratterizzato da un mondo che va di fretta e lascia indietro i più deboli e, ancor peggio, dalla società dell’apparire che emargina chi è diverso dando vita ai tristi e sconcertanti fenomeni di bullismo e cyberbullismo.

Colpisce la testimonianza del campione di ParaSnowboard Alessandro Ossola: “Ho avuto un incidente in moto e in un colpo ho perso una gamba e mia moglie. Dovevo scegliere tra vivere o morire” – ci dice –  “Io ho scelto di vivere”.  Hanno scelto di ricominciare anche Jacopo Luchini, E ancora  il ciclista paralimpico abruzzese Pierpaolo Addesi e il campione di tennis in carrozzina Antonio Cippo. Ad accompagnare i ragazzi Mauro Sciulli, presidente regionale Paralimpiadi e Maria Teresa Prestera, vicepresidente della Onlus “World of colors” che ha presentato in anteprima “Un sorriso in corsia”, il progetto per realizzare nuovi ambienti nel reparto di pediatria di Policoro (MT).

Intervenuti anche Alessandro Capoccetti, direttore di “Models of Diversity”, l’agenzia inglese che promuove i modelli con disabilità, affiancato dalla bellissima Chiara Bordi, la prima finalista a Miss Italia con la protesi. Presenti inoltre i rappresentanti di Avis Avezzano, Domenico Ciminelli e Giovanni Pendenza.

Carismatici, intelligenti, ironici, pronti a scherzare sulla loro condizione e, sopra ogni cosa, portatori di un messaggio di prodezza e straordinaria forza d’animo indirizzati a chi, per le cause più diverse, deve affrontare in prima persona una realtà nuova e “non conforme” ai parametri imposti da una folle perfezione astratta. Una grande lezione per chi, troppo spesso, non sa apprezzare e non riesce a vedere il dono più importante che abbiamo ricevuto venendo al mondo, la Vita.